Mirko Tavoni

Mirko Tavoni è professore ordinario di Linguistica italiana e Filologia dantesca all’Università di Pisa. I suoi interessi di Storia della lingua italiana si concentrano soprattutto sulla lingua e le idee linguistiche e poetiche di Dante, sulla “questione della lingua” in Italia nel Quattro e Cinquecento e sulle teorie linguistiche nell’Europa del Rinascimento.

È stato uno dei fondatori ed è uno dei direttori della Rivista di letteratura italiana (1983-1995), poi Nuova rivista di letteratura italiana. Fondatore e primo presidente del corso di laurea in Informatica umanistica dell’Università di Pisa, è stato direttore ed è presidente del Consorzio interuniversitario ICoN – Italian Culture on the Net (19 atenei) dedito alla promozione della lingua e cultura italiana all’estero. Ha lavorato in prima persona alla creazione della Biblioteca italiana, la più grande biblioteca digitale di testi della letteratura italiana. È stato anche responsabile dell’unità di ricerca PRIN 2007 che ha prodotto DanteSearch, corpus delle opere volgari e latine di Dante con marcatura grammaticale e sintattica.

Ha pubblicato manuali di educazione linguistica e grammatica per le scuole medie e il biennio e ha partecipato (in particolare con una antologia della Divina Commedia) alla realizzazione di manuali di letteratura italiana per il triennio (Laterza). Ha curato il De vulgari eloquentia nell’edizione delle «Opere» di Dante uscite nei Meridiani Mondadori (vol. 1, 2011). Tra le sue tante pubblicazioni: Qualche idea su Dante (Il Mulino, 2015); Dante e la dimensione visionaria tra Medioevo e prima età moderna (Longo Angelo editore, 2019); Il Quattrocento (il Mulino,1992) e Latino, grammatica, volgare. Storia di una questione umanistica (Antenore, 2000).

error: Tutti i contenuti di questo sito web sono protetti.