Lo scaffale

2009 PROF UMBERTO ECO SENZA BARBA © LEONARDO CENDAMO GRAZIA NERI L’Eco del Medioevo - È l’intellettuale italiano più famoso e influente in campo internazionale. Erudito enciclopedico, filosofo e semiologo, scrittore e saggista, capace di smontare e ricostruire con sapienza, ironia e divertimento i meccanismi della cultura di massa. Un professore colto e ironico, nel quale la fantasia convive con una inesausta capacità di incuriosire e provocare. I suoi libri, […]
CacciataDeiDiavoli Il messaggio nascosto negli affreschi di Assisi - “Quale Francesco?”. Il punto interrogativo che chiude il titolo dell’ultimo, bellissimo libro di Chiara Frugoni (Einaudi 2015) ci costringe a riflettere ancora sulla forza dirompente del messaggio del Poverello di Assisi. E porta con sé altre domande. La prima, e la più importante, è legata ai celeberrimi affreschi della Basilica superiore di Assisi. Provare a […]
Piazza di Bevagna Il “Tacuinum sanitatis” di Bevagna - “Tacuinum sanitatis”, un prontuario medico del XIV secolo” è il titolo di un libro pubblicato a cura della gaita Santa Maria di Bevagna. L’opera, in due volumi, comprende la copia anastatica, la trascrizione e la traduzione di un antico manoscritto del Trecento presente in Umbria, nella biblioteca comunale di Bevagna. Il testo è la traduzione […]
Andareperlegerusalemme Andare per le Gerusalemme d’Italia - Archeologa «ante litteram», nel 326 l’ottantenne imperatrice Elena partì alla volta della Terra Santa per riscoprire i Luoghi Santi nascosti e profanati. Individuò un sepolcro scavato nella roccia, una collina e una grotta. Tre elementi che ritornano costantemente nelle varie Gerusalemme «succedanee» disseminate lungo la penisola sotto forma di santuari. Gerusalemme è dappertutto. Una presenza […]
cover I racconti della tavola - Silenzio, si ascolta. Lasciamoci avvolgere dalle parole. Raccontano storie divertenti, drammatiche, edificanti o semplicemente curiose attorno a un tema centrale della vita di tutti, di sempre: il cibo e la sua condivisione, a tavola o altrove. Pavia, qualche anno dopo il 774. Alla tavola di Carlo Magno, che festeggia la vittoria sui Longobardi, si insinua […]
  • Consenso al trattamento dati