La cupola del Brunelleschi

cupola-del-brunelleschiChi mai sì duro o sì invido non lodasse Pippo architetto vedendo qui struttura sì grande, erta sopra e’ cieli, ampla da coprire con sua ombra tutti e’ popoli toscani, fatta sanza alcuno aiuto di travamenti o di copia di legname, quale artificio certo, se io ben iudico, come a questi tempi era incredibile potersi, così forse appresso gli antichi fu non saputo né conosciuto?

Leon Battista Alberti, De pictura

Per costruire Santa Maria del Fiore, i fiorentini avevano abbattuto intere foreste per ricavare il legname delle travi, raso al suolo vecchie chiese e quartieri, esumato i morti dalle tombe attorno al battistero di San Giovanni.

La prima pietra era stata posata nel 1296, e nel 1418 mancava un solo particolare: la cupola.

Sarebbe stata la più grande mai costruita e doveva levarsi verso il cielo senza sostegni visibili. Fu indetto un concorso e a vincerlo fu un orafo e scultore che sarebbe diventato un genio del Rinascimento: Filippo di Ser Brunellesco.

I lavori iniziarono il 7 agosto 1420.

Da: Brunelleschi’s Dome. The story of the Great Cathedral in Florence, Ross King, 2001, Bloomsbury Publishing

Video-clip: canale YouTube Firenze segreti, misteri & leggende

  • Consenso al trattamento dati