Invenzioni

LavBiblioteca apostolica vaticana conserva due copie della Bibbia di Gutenberg, una in pergamena e una in carta La Bibbia di Gutenberg - Il 23 febbraio è il compleanno più importante della storia della letteratura. Perché il 23 febbraio 1455 esce il nuovo libro. L’autore non è esattamente un esordiente. E anche il volume in uscita non rappresenta che una nuova edizione di un vecchio classico. Molto vecchio. E molto classico. Un libro così celebre e importante che […]
La Navicella del Purgatorio - miniatura dal Purgatorio della Divina Commedia Egerton, f.65v - Bologna, 1340 Il Purgatorio, invenzione del Medioevo - Prima i morti andavano all’Inferno o in Paradiso. Poi nel Medioevo è stato aperto il Purgatorio e hanno finito per andare tutti lì. “Che gran cosa il Purgatorio!” esclamava entusiasta santa Caterina da Genova alla fine del Quattrocento, salutando la nuova sezione dell’aldilà che – secondo la tradizione – avrebbe visitato personalmente ancora in vita. […]
Cartanauticaebussola La strana storia della bussola - La bussola fece la sua comparsa sulle sponde del Mediterraneo nel Medioevo. E innescò un malinteso storico che continuò a propagarsi, con tanto di curiose conseguenze, fino ai giorni nostri. Nel vecchio continente, il primo riferimento che la riguarda è dell’erudito inglese Alexander Neckam, che la menziona nel De nominibus utensilium (ca. 1180) e già […]
chiocciola La chiocciola che arriva dal Medioevo - Il simbolo @ è arrivato lemme lemme fino a noi da secoli che qualcuno ancora si ostina a ricordare come “oscuri”. La chiocciolina che usiamo ogni giorno nella posta elettronica, appare in un codice miniato del Trecento scritto in bulgaro che è conservato nella Biblioteca Vaticana insieme a un altro milione e mezzo di rari […]
Il-banchetto-dei-sensi-–-miniatura-dal-“De-Universo”-di-Rabano-Mauro-–-Montecassino-X-XI-sec.1-1024x830 La diabolica forchetta - L’invenzione della forchetta arrivò all’alba del Medioevo. Anche se nel 1917 a Ventimiglia fu ritrovato in una necropoli romana un eccezionale reperto: una specie di “coltellino svizzero da sopravvivenza” che risale al I-II secolo dopo Cristo. L’oggetto è rimasto un “unicum” e gli archeologi discutono ancora sulla sua datazione. Ma il curioso strumento conteneva una […]
codice2 Storia dell’inchiostro - In principio era cenere e acqua. Il brodo primordiale da cui nacque l’inchiostro, all’incirca 4500 anni fa, fu il nerofumo, che rivoluzionò la scrittura e cambiò per sempre la storia dell’uomo. Veniva preparato da fuochi di legno, resti vegetali o anche animali. Ed era proprio il fumo il prezioso prodotto delle combustioni da conservare. I […]
La bottega dello speziale La teriaca, panacea per tutti i mali - Teriaca. Per tutto il Medioevo e ben oltre il Rinascimento, fu la medicina più ricercata, tra le più citate e costose. Misteriosa quanto basta. Allora, senza le “Istruzioni per l’uso”, bastava attenersi alla saggia regola generale: “Maneggiare con cura”. Serviva sempre una prescrizione medica. Lo spiegava la parola stessa: teriaca deriva da un vocabolo greco, […]
11899958_845608998849903_6187623645624466475_n Gli occhiali - Sembra che lenti per ingrandire dei particolari fossero utilizzate già nell’antica Roma, ma è del 1352 la prima documentazione sugli occhiali, usati con costanza per attenuare i difetti della vista: è il ritratto del cardinale Ugone di Provenza di Tommaso di Modena, conservato nella Sala del Capitolo della Chiesa di San Nicolò a Treviso. Non […]
SetteNote Le sette note - Le sette ‪‎note‬ esistono da sempre, ma sapevate che la loro denominazione ha origine nel ‪Medioevo‬? Guido d’Arezzo, monaco benedettino, nell’XI sec. nominò ciascuna nota con le prime sillabe dei primi sei versi dell’inno “Ut queant laxis” dedicato a San Giovanni Battista. «UTqueant laxis REsonare fibris MIra gestorum FAmuli tuorum SOLve polluti LAbii reatum Sancte […]
Occhiali Medioevo L’età delle invenzioni - Altro che “secoli bui”. Il Medioevo è stata una fucina di ‪scoperte‬ e ‪‎innovazioni‬: dalla ruota idraulica al mulino a vento, dalla staffa alla bussola, dalla carriola agli orologi meccanici. E poi la forchetta, la pasta, il salame, i bottoni, gli occhiali, la stampa a caratteri mobili, l’algoritmo e la camera oscura. Lo spiega bene […]
Manoscritto Il punto ha una lunga storia - Esclamativi, interrogativi o messi sulle “i”. Anche sui punti, un punto va fatto comunque. Nel Medioevo era l’unico segno di interpunzione. Veniva usato per dividere il periodo, con diverse funzioni (in basso, in mezzo o in alto) a seconda della sua posizione rispetto all’altezza della scrittura. Con l’invenzione della stampa a caratteri mobili e la […]
  • Consenso al trattamento dati