Ensemble Micrologus

micrologus_testata
Nato nel 1984, l’Ensemble Micrologus è stato tra i primi a contribuire alla riscoperta della musica medievale.
Grazie a un rigoroso approccio filologico e alla ricostruzione di strumenti d’epoca, l’ensemble è in grado di ricreare le sonorità del tempo; l’indiscussa abilità è stata ben presto riconosciuta sia in Italia che all’estero, con tour in Europa, Nord Africa, Asia e Americhe e l’assegnazione di riconoscimenti nazionali e internazionali.

I Micrologus non sono stati però solo tra i pionieri della riscoperta della musica medievale: hanno saputo cogliere lo spirito con cui interpretarla oggi, portando il proprio esperimento sonoro anche all’interno di feste e rievocazioni storiche, a partire dal Calendimaggio di Assisi, e allestendo negli anni oltre trenta spettacoli diversi.

L’ensemble ha anche realizzato colonne sonore per il teatro e il cinema – la più nota, quella per Mediterraneo di Gabriele Salvatores – e ha collaborato con importanti musicisti contemporanei quali i Fratelli Mancuso, Giovanna Marini, Banco del Mutuo Soccorso, Daniele Sepe, Vinicio Capossela.

I Micrologus possono contare sulla competenza in materia dei membri fondatori Patrizia Bovi, Gabriele Russo, Adolfo Broegg (scomparso prematuramente nel 2006) e Goffredo Degli Esposti.

IN EVIDENZA

10° Corso Internazionale di Musica Medievale - “Cacciando per gustar”, Le cacce del Trecento e la musica italiana è il corso, organizzato dall’Associazione Musicale Micrologus e dal Centro Studi Europeo di Musica Medievale Adolfo Broegg, che si terrà a Spello dal 29 luglio al 3 agosto 2019 (iscrizioni: entro il 31 maggio). Il tema principale sarà la polifonia delle cacce, incluse quelle […]

 

  • Consenso al trattamento dati